Le miniere di Perticara e Marazzana

Minatori con maschere

A Perticara la presenza di un grande giacimento solfifero, ha dato precocemente origine ad un’intensa attività industriale nell’ambito di un vasto territorio a prevalente vocazione agricola, generando una società organizzata sui ritmi del lavoro, con servizi tipici delle aree industriali di ben altre dimensioni.

É stato un microcosmo legato indissolubilmente alla produttività della miniera ed a scelte di politica economica dell’industria italiana. Quell’industria che a Perticara ha spento le sue luci proprio quando nel resto del paese si realizzava il boom economico.

Storia della miniera

Gli storici ipotizzano che già i romani estraessero lo zolfo nella zona di Perticara, ma è dopo la scoperta della polvere da sparo che lo zolfo è usato nelle valli del Marecchia e del Savio per la produzione della polvere pirica. Dal 1700 numerose proprietà si succedono alla guida dell'attività estrattiva, che diviene pratica industriale nella prima metà del 1800.
E’ la Montecatini che dal 1917 avvia la più grossa industria della zona 1600 uomini hanno costruito un'immensa città sotterranea: quasi 100 chilometri di gallerie su 9 livelli di coltivazione. Il ritmo produttivo dell'estrazione mineraria ha scandito la vita di migliaia di uomini e donne, la fatica e l'incertezza della sopravvivenza lasciavano il posto in superficie ad un carattere allegro e festoso: le bande musicali, la filarmonica, la squadra di calcio, i teatri, il cinematografo, la società del Carnevale, hanno allietato le ore del riposo di una comunità di cinquemila residenti fino alla drammatica chiusura della miniera avvenuta nel 1964, a causa delle inclementi leggi del mercato.
Nella miniera di zolfo di Perticara è stato estratto il cristallo di zolfo più grande del mondo. Donato dall’Ing Mezzana nel 1936 al Museo di Storia Naturale di Milano dove è tuttora conservato, resta il frutto più famoso della nostra terra.

Orari visite:



Sulphur museo storico minerario di Perticara
Via montecchio,20 – 47863 Perticara di Novafeltria(RN)
tel e fax 0541 927576
info@museosulphur.it
www.museosulphur.it

 

 

PARCO MUSEO MINERARIO DELLE MINIERE DI ZOLFO DELLE MARCHE E DELL'EMILIA-ROMAGNA
Sede legale: via contrada nuova 1, 60041 Cabernardi di Sassoferrato (AN) Italia
Sede operativa: viale della vittoria 117, 61122 Pesaro (PU) Italia - c.f. 92038950413
E-mail: parcozolfomarcheromagna@regione.marche.it
Posta Elettronica Certificata: parcodellozolfodellemarche@emarche.it